Alcune risposte, espresse in modo semplice, alle molte domande che possono sorgere.

(altro…)
Taggato con: , , , , ,

Registratori di cassa RT, predisposti per la trasmissione telematica dei corrispettivi.

(altro…)
Taggato con: , , , , ,

Ecco le istruzioni per come partecipare alla lotteria degli scontrini, il concorso a premi collegato al nuovo “scontrino elettronico”.

Dall’1 luglio 2020, tutti i cittadini residenti in Italia e maggiorenni potranno partecipare esibendo il loro codice lotteria ed effettuando un acquisto di importo pari o superiore a 1 euro.

Per ottenere il codice lotteria basterà inserire il proprio codice fiscale sul portale https://www.lotteriadegliscontrini.gov.it Il sito web è gia attivo e fornisce documentazione e risposte alle domande più comuni, mentre per le la richiesta del codice lotteria, che era previsto dal 9 marzo 2020, dovremo aspettare ancora un attimo, ma dovrebbe essere disponibile a breve.

Il codice ottenuto dovrà essere esibito all’esercente al momento dell’emissione dello scontrino e, per ogni scontrino elettronico trasmesso all’Agenzia delle Entrate, il sistema lotteria genererà un determinato numero.

Lotteria degli scontrini, scopri cosa è e come partecipare

Nella prima fase sono previste estrazioni mensili con 3 premi al mese pari a 30 mila euro ciascuno e una estrazione annuale con un premio pari a 1 milione di euro. La prima estrazione mensile dovrebbe essere effettuata venerdì 7 agosto 2020, e le successive estrazioni mensili avverranno ogni secondo giovedì del mese. A partire dal 2021, inoltre, verranno attivate anche estrazioni settimanali con 7 premi del valore di 5mila euro ciascuno.

I premi della lotteria non saranno assoggettati ad alcuna tassazione

Come partecipare

Potranno partecipare alla lotteria le persone fisiche (sono esclusi gli acquisti da parte di possessori di partite iva), maggiorenni e residenti anagraficamente in Italia che acquistano beni o servizi, presso esercenti che trasmettono telematicamente i corrispettivi.

Nella fase iniziale non partecipano alla lotteria gli acquisti per i quali i dati dei corrispettivi sono trasmessi al sistema Tessera Sanitaria e quelli documentati con fatture elettroniche. Per partecipare sarà necessario esibire al negoziante, al momento dell’acquisto e senza nessun obbligo d’identificazione, il codice lotteria. Questo codice alfanumerico si potrà ottenere inserendo il proprio codice fiscale sul portale della lotteria che  produrrà il codice lotteria anche in formato barcode. I codici potranno essere stampati su carta o salvati sul proprio dispositivo mobile, ed esibiti all’esercente che potrà acquisirli tramite lettura ottica.

lotteria degli scontrini

Premi, biglietti ed estrazioni ordinarie

Ogni scontrino genererà un numero di biglietti virtuali per la partecipazione all’estrazione, pari ad un biglietto per ogni euro di corrispettivo, con arrotondamento all’unità di euro superiore se la cifra decimale è superiore a 49 centesimi. Più alto sarà l’importo speso, maggiore sarà il numero di biglietti associati all’acquisto, fino a un massimo di 1.000 biglietti virtuali; quindi, facendo un esempio, per corrispettivi pari o superiori a euro 1.000 il numero massimo di biglietti generati sarà, in ogni caso, pari a 1.000. Per tutto il 2020 le estrazioni saranno mensili, con un’ulteriore estrazione annuale. Per le 3 estrazioni mensili (la prima dovrebbe avvenire il 7 Agosto) sono previsti 3 premi da 30 mila euro ciascuno ogni mese. Mentre per quella annuale il premio previsto è pari a 1 milione di euro. A partire dal 2021 ci saranno anche estrazioni settimanali, ed In questo caso verranno estratti 7 premi del valore di 5 mila euro ciascuno.

Estrazioni aggiuntive “zero contanti”

Le estrazioni aggiuntive “zero contanti” saranno riservate a chi esegue gli acquisti con pagamenti elettronici (carte di credito e bancomat). I premi saranno ancora più alti e sarà premiato l’esercente. Nell’estrazione annuale, infatti, il premio sarà di 5 milioni di euro per il cittadino e di 1 milione per l’esercente; per quelle mensili ci saranno ogni mese 10 premi da 100 mila euro per i cittadini e 10 premi da 20 mila euro per gli esercenti; per le estrazioni settimanali (a partire dal 2021) sono previsti, infine, 15 premi da 25 mila euro per i cittadini e 15 premi da 5 mila euro per gli esercenti.

trasmissione telematica corrispettivi

Come farai a sapere se hai vinto ?

I vincitori verranno informati tramite raccomandata oppure via pec e SMS (se hanno comunicato tali dati nell’area riservata del portale lotteria). Inoltre, accedendo con Spid, CNS o Fisconline all’area riservata del portale lotteria, riceveranno immediatamente una notifica che segnala la vincita, senza necessità di controllare.

I nostri registratori di cassa sono già predisposti per la gestione della nuova Lotteria degli scontrini. Se non hai ancora uin registratore di cassa RT e vuoi maggiori informazioni al riguardo, contattaci senza problemi.

Contattarci è gratis e, anzi, potrebbe farti risparmiare tempo e denaro

Taggato con: , , , ,

La piccola impresa, spesso bistrattata e dimenticata, ha le stesse necessità delle grandi realtà

L’unica differenza è che la piccola impresa deve soddisfare queste necessità con un budget ridotto

Noi lo sappiamo bene perchè, anche noi come te, siamo una piccola impresa. Scopri come possiamo aiutarti

(altro…)
Taggato con: , , , , ,

Lavorare da casa in totale sicurezza è una delle sfide più interessanti degli ultimi anni.

Le nuove tecnologie, come la banda larga e il voip, permettono di lavorare da remoto come se si fosse in ufficio

Bisogna però ricordare che questa modalità operativa deve essere svolta in sicurezza, per evitare che l’accesso remoto alle risorse aziendali possa diventare una vulnerabilità.

Ma cosa si intende per lavorare da remoto ( telelavoro / smartworking ) ?

Significa che, tramite una normale linea internet, posso connettermi alla rete dell’ufficio e avere a disposizione gli stessi applicativi e gli stessi strumenti che normalmente uso sul mio posto di lavoro.

Ma non solo ! Sfruttando la tecnologia voip, potrò essere raggiungibile. tramite telefono o smartphone, allo stesso numero di interno.

Così possiamo lavorare in modo più rilassato e flessibile, limitando rischi, spostamenti e altri disagi.

Ma quanto costa fare questo ? Una volta ho chiesto e mi hanno detto che bisogna spendere un sacco di soldi

Non è vero. Per connettersi alla rete aziendale in totale sicurezza è sufficiente installare un firewall presso il nostro ufficio.

La funzione del firewall è quella di proteggere e criptare la connessione, in modo che l’accesso sia consentito solo a chi ne è autorizzato.

Così facendo, per accedere alla rete dell’ufficio, oltre a conoscere la password è necessario che la connessione avvenga da una macchina riconosciuta e identificata come attendibile. Questo permette di lavorare confortevolmente da remoto in totale sicurezza.

lavorare da casa in relax e sicurezza

Ma quanto costa un firewall ? Ho sentito dire che costano tantissimo

Anche questo non è vero !

Tutto dipende dal tipo di firewall; il prezzo può variare da meno di 100€, per un apparato che deve gestire solo poche connessioni, a parecchie migliaia di euri per apparati che ne gestiscono moltissime.

Oltre a gestire e a discriminare le connessioni in ingresso, il firewall può essere un vero dispositivo di sicurezza, fungendo anche da antivirus, antispam etc etc

Oltre al firewall cosa altro può servire ?

Penso che, a livello hardware, non serva molto altro. Basta verificare le linee internet e fare le relative configurazioni per permettere l’accesso ai programmi. Magari, se vuoi avere anche a disposizione il telefono dell’ufficio per fare e ricevere telefonate tramite le linee della sede, potresti installare un piccolo centralino Voip.

Ricorda che, come ogni altra soluzione, anche quella di smartworking, o telelavoro, deve essere studiate e adattata ai tuoi bisogni, alle tue necessità e soprattutto al tuo budget. E ricorda anche che i tuoi dati hanno un valore e come tale vanno protetti

Se sei interessato allo smartworking / telelavoro, per lavorare da remoto in totale sicurezza, contattaci senza impegno.

Contattarci non ti costa nulla e insieme troveremo una soluzione su misura per le tue esigenze

Taggato con: , , , ,

A Gennaio 2020 terminerà il supporto a windows 7 da parte di Microsoft

Windows 7, uno dei migliori sistemi operativi, andrà in pensione come già successo al suo predecessore Windows XP.

(altro…)
Taggato con: , , ,

Il VOIP è la più grande innovazione che la telefonia abbia messo in opera negli ultimi anni.

La telefonia VOIP è ricca novità; andiamo vedere quali sono i suoi vantaggi.

Decidere di passare da un centralino telefonico tradizionale ad uno VOIP, potrebbe essere una ottima soluzione per contenere le spese di gestione, per ottimizzare le risorse a disposizione e migliorare l’organizzazione e la qualità del lavoro.

Cosa è il VOIP ?

Forse bisognerebbe iniziare con il dire cosa non è il VOIP.

IL VOIP non sono le telefonate che “funzionano” tramite internet, il VOIP non è Skype e non è vero che senza internet non si può telefonare.

Il VOIP è semplicemente una tecnologia che permette di veicolare il traffico voce sul normale cablaggio di rete. Ciò comporta il fatto che non esiste più la separazione tra rete voce e rete dati, con la conseguenza che, ovunque possono transitare i dati possono transitare anche le telefonate.

i vantaggi della telefonia voip

In parole povere, quella che viene chiamata convergenza dati e voce, significa semplicemente che, ovunque vi sia a disposizione un cavo di rete, è possibile collegare un pc e/o un telefono.

La telefonia VOIP non funzione tramite internet, bensì può usare internet per aggiungere funzionalità e ridurre i costi delle telefonate.

I centralini VOIP Yeastar distribuiti da Tecnosistemi srl sono denominati ibridi. Per centralino telefonico ibrido si intende un apparato che può essere interfacciato sia alle linee telefoniche tradizionali (linee analogiche e ISDN), sia alle linee e alle numerazioni VOIP.

Vantaggi a livello strutturale e di cablaggio.

Essendo la rete dati e la rete voce integrati in un unico cablaggio, non ci si dovrà più preoccupare di predisporre un cablaggio separato.

Questo significa che, aggiungere o spostare un telefono, sarà come aggiungere o spostare un computer o un’altra periferica; solo più veloce e meno faticoso.

Essendo integrato nella rete e sfruttandone i protocolli di comunicazione, ogni telefono avrà, proprio come ogni pc, la propria configurazione al suo interno. Questo significa che, spostando un telefono da una presa ad un’altra, questo non perderà il suo numero di interno o ogni altra configurazione.

I centralini VOIP distribuiti da Tecnosistemi srl introducono inoltre funzionalità innovative come il ricevere tramite email messaggi vocali, fax ed sms. Vi è anche la possibiltà di registrare le telefonate, di integrare i telefoni cellulari e molto altro ancora.

Tecnosistemi Pietra Ligure yeastar voip

Il VOIP permettere di connettere sedi distaccati in modo semplice.

Potendo utilizzare la rete come cablaggio, diventa possibile collegare sedi remote in modo semplice e funzionale.

I centralini telefonici delle varie sedi possono essere interconnessi tra di loro tramite la rete internet. In questo modo tutti gli interni sono interconnessi tra di loro come se fossero sotto l’ombrello di un unico centralino telefonico. Questo comporta, oltre ad eliminare i costi delle telefonate tra le sedi. la possibilità di inoltrare le chiamate da una sede all’altra, di unificare i risponditori automatici etc; esattamente come se fosse (ed in realtà lo è) un solo ed unico centralino telefonico.

Attraverso la programmazione delle telefonate in uscita, possiamo inoltre decidere da quali linee e da quale sede fare uscire determinate telefonate. Per esempio, supponendo di avere una sede a Savona e una sede a Cuneo, possiamo decidere di fare uscire dal centralino VOIP di Savona le telefonate verso i prefissi 019 e dal centralino di Cuneo quelle verso il prefisso 0171. Oppure, nel caso che una delle sedi abbia una linea dedicata alle chiamate verso i telefoni cellulari, possiamo decidere di inoltrare e fare uscire da quella sede tutte le chiamate verso i numeri che iniziano con il 3.

In caso di sedi molto piccole o per il telelavoro, è possibile connettere direttamente, tramite Internet, un telefono IP al centralino telefonico. Anche in questo caso, il telefono diventerà a tutti gli effetti un interno del centralino, con la possibilità di inoltrare, effettuare o ricevere telefonate.

Telefonare in mobilità

Un altro vantaggio del VOIP è quello di permettere le telefonate in mobilità

client voip per smartphone

Potendo utilizzare la rete ed i suoi protocolli come sistema di cablaggio, ogni periferica connessa alla rete è potenzialmente un interno telefonico IP. Questo significa che smartphone, tablet e computer, possono essere collegati al centralino tramite una normale connessione di rete cablata o WiFi, o tramite internet ADSL o 3/4/5G. Così facendo il nostro smartphone diventa, a tutti gli effetti, un interno del centralino e l’utente sarà collegato all’ufficio come se fosse fisicamente presente.

Potremmo per esempio inoltrare telefonate al collega fuori ufficio senza avere la necessità di divulgarne il numero di cellulare, oppure potremmo fare in modo che, in determinate fasce orarie, tutte, o parte delle telefonate, vengano inoltrate ad uno o più cellulari.

Semplicità di configurazione

I centralini VOIP hanno una configurazione semplice ed intuitiva.

Tutte le configurazioni vengono effettuate tramite browser ed interfaccia web in lingua italiana. In un modo semplice ed intuitivo è possibile creare interni, connessioni, risponditori e registrare messaggi vocali tramite un normale apparecchio telefonico.

yeastar interfaccia web in italiano

Possiamo tenere traccia delle telefonate, in ingresso ed in uscita, ed effettuarne l’esportazione in formato Excel.Tutti i messaggi di errore o di allarme possono essere inoltrati all’amministratore tramite email.

Riduzioni dei costi ed ottimizzazione delle numerazioni

Il VOIP permette di aggiungere numeri e linee telefoniche a seconda delle necessità

Una delle peculiarità di questa nuova tecnologia è il fatto di potere effettuare le telefonate anche tramite una connessione internet. Questo significa che il numero di linee telefoniche, che potenzialmente possiamo utilizzare, dipende dalla capacità della nostra linea internet.

Parlando in termini pratici, questo significa che possiamo aggiungere numeri o linee telefoniche a seconda delle nostre necessità. Per esempio potremmo aggiungere un numero o una linea per supportare una particolare attività commerciale. Essendo queste linee attestate tramite connessione internet, i provider possono aggiungere o togliere numerazioni senza particolari problemi, in quanto non esiste la necessità di aggiungere o togliere cavi telefonici o schede di interfaccia.

Anche a livello di costi, essendo il traffico veicolato tramite internet, non esiste più la differenza tra telefonate locali, interurbane, internazionali, verso cellualari etc etc. Molti provider, infatti, praticano una tariffazione unica per ogni tipo di telefonate.

gamma centralini telefonici Yeastar

Spero che l’articolo ti sia stato utile e abbia chiarito alcuni dubbi.

Se vuoi saperne di più su come un centralino VOIP possa migliorare il tuo modo di lavorare non esitare a contattarci Saremo lieti di offrirti una dimostrazione e farti un preventivo gratuito.

Taggato con: , ,

I registratori di cassa per ristoranti, e per la ristorazione in generale, si propongono di abbinare gli obblighi fiscali e la gestione del locale in un unico sistema.

(altro…)
Taggato con: , , , ,

Cryptolocker, cryptovirus e ransomware in generale, sono tra le minacce più temute.

Una infezione di questo genere è spesso in grado di mettere in ginocchio un sistema informatico. Ecco perchè dovremmo metterci al riparo prima che questo accada.

(altro…)
Taggato con: , ,

Lotteria degli scontrini 2020. Sono pronte le istruzioni per commercianti e consumatori

Vengono fissate le regole per partecipare alla lotteria degli scontrini. I consumatori dovranno richiedere il codice lotteria e i commercianti dovranno adattare i registratori telematici RT.

(altro…)

Il registratore telematico RT deve essere connesso ad internet per effettuare la trasmissione dei corrispettivi.

(altro…)
Taggato con: , , , ,


Si avvicina la data di trasmissione telematica dei corrispettivi e l’abolizione della ricevuta fiscale.

(altro…)
Taggato con: , , , , , , ,

Registratori di cassa RT: ultimi passi verso la trasmissione telematica dei corrispettivi

Il 28/02/2019 la Direzione dell’Agenzia delle Entrate ha firmato il Provvedimento n. 49842/2019 per l’utilizzo del credito d’imposta finalizzato all’acquisto o all’adeguamento dei registratori di cassa telematici RT per la trasmissione dei corrispettivi giornalieri.

(altro…)
Taggato con: , , , , , ,

registratori di cassa Telematici RT

I nostri registratori di cassa Custom, Olivetti, etc sono predisposti o modificabili per la trasmissione telematica dei corrispettivi.

Tecnosistemi srl, essendo laboratorio certificato iso 9001, installa e assiste i misuratori fiscali delle migliori marche nelle province di Savona e Imperia

Il registratore di cassa, diventa sempre di più uno strumento che semplifica e affianca l’utente nella quotidiana attività di vendita, sia che sia stand-alone o che sia interfacciato con scanner, computer o altre periferiche.

Tecnosistemi. concessionario registratori di cassa Custom
concessionario registratori di cassa Kos

Grazie ai rapporti di partnership siamo in grado di fornire, oltre al registratore di cassa, la possibilità di interfacciarlo con il nostro gestionale, nel caso della vendita al banco o gestione del magazzino, o inserirlo in ambienti più complessi, tipo ristoranti e similari, per la gestione delle commesse e la stampa di fatture/ricevute fiscali

Essendo laboratorio certificato, siamo abilitati per l’assistenza tecnica e per le pratiche di verificazione periodica e installazione/disinstallazione sui registratori di cassa di tutte le marche, nelle province di Savona e Imperia

La nuova normativa prevede che dal 1 luglio, ordinati per scaglioni di fatturato, vi sia l’obbligo della trasmissione telematica di corrispettivi. Nel caso di acquisto di un nuovo modello è possibile usufruire di un bonus fiscale fino a 250€.

Oltre al bonus fiscale, Tecnosistemi srl, offre a tutti i nuovi clienti un ulteriore buono sconto di 50 € su tutti i registratori telematici RT presenti a listino (primo prezzo inferiore a € 400! e consegna e installazione inclusi)

Compila il form e scarica il buono sconto che abbiamo riservato per Te.

Si effettuano, tra le altre cose, noleggio di registratori di cassa per sagre, mercatini e altre manifestazioni

concessionario registratori di cassa System Retail
Tecnosistemi Pietra Ligure, Concessionario Olivetti

Scarica gratuitamente il nostro ebook sui registratori di cassa telematici RT

Se siete interessati a un registratore di cassa Telematico e se vuoi informazioni sul bonus fiscale contattaci per dimostrazioni e preventivi gratuiti

Taggato con: , , , , , , ,

Registratori di cassa telematici RT, e altri prodotti, a prezzi scontati presso la nostra sede di Pietra Ligure

Venerdì 29/11/2019 con orario continuato dalle 08:00 alle 20:00 potrete avere l’incontro con i nostri esperti ed approfittare del Black Friday

(altro…)
Taggato con: , , , , ,

Chiamaci o contattaci. Ti regaliamo una analisi in teleassistenza, o presso di te, per verificare la sicurezza e l’integrità del tuo parco macchine.


Preferenze su come effettuare il controllo:

La informiamo che i dati da Lei inseriti saranno trattati nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 (GDPR) al solo fine di fornirLe le informazioni richieste.

L'informativa completa può essere reperita e letta al link https://www.tecnosistemi.sv.it/informativa-gdpr/

[recaptcha]
Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Proviamo a spiegare in modo semplice quali saranno le novità legate a questa nuova procedura:

  • 1. Fatturazione Elettronica
Dal 1° gennaio 2019 per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato
Expand All | Collapse All
  • 1. La fatturazione elettronica è obbligatoria per tutti: normativa e scadenze
     

    La fatturazione elettronica obbligatoria tra privati e verso i consumatori entrerà in vigore dal 1° gennaio 2019.

    Molte sono le domande e i dubbi di imprese e partite IVA. I cambiamenti incutono sempre un iniziale timore, ma la fattura elettronica potrebbe essere un primo passo per un’evoluzione estremamente positiva del sistema fiscale e imprenditoriale italiano che oggi in Europa è pioniere in questo campo.

    La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto l’obbligo diffuso della fatturazione elettronica sia nelle relazioni commerciali tra soggetti passivi Iva privati(aziende e professionisti con P.Iva) sia verso i consumatori finali.

    Dal 1° gennaio 2019 per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato, e per le relative variazioni, sono emesse esclusivamente fatture elettroniche utilizzando il Sistema di Interscambio e secondo il formato XML già in uso per la FatturaPA.

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 191 Times
  • 2. Cos’è la fatturazione elettronica o la fattura elettronica ?
     

    Dal 1°gennaio 2019 tutti noi avremo a che fare con le tanto temute fatture elettroniche o “e-fatture”, come le chiamano gli addetti ai lavori.

    Ma, cos’è e come funziona la fatturazione elettronica? La fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che permette di abbandonare per sempre il supporto cartaceo e tutti i relativi costi di stampa spedizione e conservazione.

    La fatturazione elettronica cambia radicalmente il modo in cui si compilano, inviano, ricevono e conservano le fatture.

    Il formato, denominato FatturaPA, è il tracciato con cui le fatture elettroniche devono essere prodotte. Si tratta di un flusso di dati strutturati in formato digitale con gli stessi contenuti informativi di una fattura cartacea, ma scritto in linguaggio XML.

    Non prendere paura. Non dovrai imparare a scrivere in codice!

    Per molti anni la fattura è stata compilata in vari modi: carta e penna, macchine da scrivere, tramite editor testuali o fogli di calcolo (word, excel, ecc…), usando software di fatturazione e gestionali più o meno avanzati.
    Una volta compilata dal fornitore, la fattura veniva spedita al cliente via posta, e-mail, piccione viaggiatore, ecc… Il destinatario (il cliente) aveva l’obbligo di conservare in formato cartaceo il documento ricevuto per almeno 10 anni (pertanto le fatture scaricate tramite email andavano stampate).

    Oggi la fatturazione elettronica definisce un percorso unico standardizzato grazie al Sistema di Interscambio (SdI) dell’Agenzia delle Entrate.

    1. La fattura elettronica viene compilata tramite un software di fatturazione elettronica.
    2. Viene firmata digitalmente (tramite firma elettronica qualificata) dal soggetto che emette la fattura o dal suo intermediario in modo da garantire origine e contenuto.
    3. Chi emette la fattura dovrà poi inviarla al destinatario tramite il Sistema di Interscambio che, per legge, è il punto di passaggio obbligato per tutte le fatture elettroniche emesse verso la Pubblica Amministrazione e verso i privati (tra poco capiremo con quali “sottili”differenze).
    4. Dopo i controlli tecnici automatici, il Sistema di Interscambio provvede a recapitare il documento alla Pubblica Amministrazione o al soggetto privato a cui è indirizzato.

    Il Sistema di Interscambio funge quindi da snodo tra gli interessati e ha il compito di verificare che il formato del documento ricevuto sia corretto e che i dati inseriti siano completi.

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 207 Times
  • 3. Come funziona la fattura elettronica ?
     

    Questa è senz’altro la domanda più gettonata di questi mesi da parte di imprenditori, professionisti, impiegati amministrativi…

    Per non farti impazzire fornendoti tutti i dettagli tecnici, che non farebbero altro che confonderti, cerchiamo di chiarire velocemente le cose fondamentali che non puoi ignorare riguardo a:

    1. Compilazione della fattura elettronica
    2. Firma elettronica qualificata e invio tramite il Sistema d’Interscambio
    3. Ricezione e registrazione della fattura
    4. Conservazione della fattura elettronica
    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 196 Times
  • 4. Come ci si deve comportare verso i clienti privati ?
     

    Come funziona la fatturazione elettronica nei riguardi dei clienti privati ?

    Se il cliente richiede fattura, anziché scontrino o ricevuta, essa dovrà essere emessa con codice destinatario 0000000 e trasmessa in formato elettronico come si fa con i possessori di p.iva (il documento verrà depositato nel cassetto fiscale disponibile sul sito AE del cliente), in aggiunta andrà consegnata al soggetto una copia cartacea o elettronica (es. pdf) del documento a meno che non vi rinunci.

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 187 Times
  • 5. Come si compila una fattura elettronica ?
     

    I processi di fatturazione elettronica tra privati mediante il Sistema di Interscambio e verso la pubblica amministrazione sono quasi identici.

    Il modo più semplice per compilare una fattura elettronica è farlo tramite il tuo software di fatturazione o gestionale (nel caso non ne avessi già uno. o quello in tuo possesso non ne avesse le funzionalità, Tecnosistemi srl ha diverse soluzioni da proporti che possono fare al caso tuo).

    La procedura per fatturare è sempre la medesima. Redigi la fattura e poi, anziché stamparla o salvarla in PDF per inviarla via e-mail, generi il file fattura nel formato XML FatturaPA.

    La differenza importante tra una fattura elettronica B2B (tra soggetti privati con Partita IVA), una fattura alla Pubblica Amministrazione e una verso consumatori (B2C)

    Per sapere a chi recapitare la fattura elettronica il Sistema di Interscambio usa diversi metodi a seconda del tipo di destinatario:

    • gli uffici della Pubblica Amministrazione sono identificati da un Codice Univoco Ufficio di 6 caratteri che va inserito obbligatoriamente in fattura;
    • i consumatori: al momento vige ancora un alone di mistero su come verranno identificati e dove verrà consegnata la fattura elettronica dal SdI (l’ipotesi più accreditata è che siano identificati dal Codice Fiscale e che SdI consegni nel Cassetto Fiscale).
      L’unica certezza è che il consumatore può chiedere che gli venga consegnata una copia cartacea (o PDF) della fattura;
    • per i destinatari B2B (imprese, professionisti, ecc…) le strade di invio sono 2:
      • PEC: il file XML contiene l’indirizzo PEC del cliente al quale SdI inoltrerà la fattura.
      • Codice destinatario SdI: quando il cliente possiede un codice di accreditamento SdI, andrà usato questo codice per inviargli la fattura.
    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 247 Times
  • 6. Firmare digitalmente la fattura elettronica e inviarla tramite SdI
     

    Una volta che hai prodotto la tua fattura elettronica (un file XML) sarà necessario firmarla digitalmente tramite firma elettronica qualificata e poi inviarla tramite il Sistema d’Interscambio al destinatario.

    La scelta più semplice è affidare tutto a un gestionale di fatturazione (nel caso non ne avessi già uno. o quello in tuo possesso non ne avesse le funzionalità, Tecnosistemi srl ha diverse soluzioni da proporti che possono fare al caso tuo) semplificando l’invio al Sistema e la gestione delle risposte e l’interpretazione di eventuali messaggi di errore. Il servizio si occuperà di:

    • Applicare la firma digitale (elettronica qualificata) con riferimento temporale su ogni fattura.
    • Inviare la fattura al Sistema di Interscambio, tracciando l’intero percorso di validazione e accettazione (o scarto) del documento, e segnalando con tempestività eventuali problemi o anomalie.
    • Inviare in conservazione sostitutiva il documento elettronico per 10 anni.
    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 186 Times
  • 7. Ricezione e registrazione della fattura elettronica
     

    Il SdI può essere considerato come  una specie di postino! Sarà il Sistema a farti pervenire la fattura una volta che avrà verificato i requisiti tecnici.

    A te non resterà che importare la fattura elettronica nel tuo software per registrarla. Se invece ci tieni tanto a registrarla a mano non dovrai fare altro che aprire il file con un lettore idoneo e registrarla (anche se è probabile che nei primi tempi le aziende invieranno ai clienti anche una copia “tradizionale”).

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 176 Times
  • 8. Cosa si intende per conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ?
     

    La legge impone l'archiviazione del documento informatico dopo aver emesso la fattura elettronica. La conservazione deve essere svolta da un'ente d'intermediazione certificato, attraverso procedure che garantiscano l'autenticità e l'affidabilità di: nome, cognome, denominazione, codice fiscale, partita IVA e data. L’elenco dei conservatori è presente ne sito dell’AGID www.agid.gov.it

    I vantaggi pratici della conservazione sostitutiva sono evidenti e si ripercuotono su tutti i passaggi di stampa, stoccaggio e archiviazione:

    • eliminazione dei costi diretti (toner, carta, luoghi di conservazione);
    • eliminazione del rischio di distruzione, corruzione o perdita;
    • abbattimento dei tempi per ricerca e consultazione.

    Anche in questo caso un gestionale,  è la soluzione migliore che si occupa di tutto il processo dalla firma, invio tramite SdI e conservazione sostitutiva  (nel caso non ne avessi già uno. o quello in tuo possesso non ne avesse le funzionalità, Tecnosistemi srl ha diverse soluzioni da proporti che possono fare al caso tuo).

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 191 Times
  • 9. Chi sono i soggetti obbligati e chi no alla fatturazione elettronica ?
     

    La fatturazione elettronica dal 1°gennaio 2019 sarà obbligatoria per moltissime imprese e partite IVA, ma tecnicamente non per tutti!

    Per fare chiarezza sui soggetti obbligati alla fatturazione elettronica dobbiamo fare un passo indietro e chiarire un paio di punti che ti aiuteranno ad avere un quadro chiaro della situazione.

    Dal 1° gennaio 2019 l’obbligo di emissione di fatture elettroniche mediante il sistema di interscambio SdI fornito dall’Agenzia delle Entrate viene esteso a tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti privati (partite IVA e consumatori finali):

    • residenti;
    • stabiliti;
    • identificati nel territorio dello Stato.

    Ma, in realtà l’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica tra privati non elimina del tutto l’utilizzo delle fatture analogiche (cartacee) in alcuni specifici casi.

    I soggetti NON obbligati all’emissione di fatture elettroniche secondo la normativa sono:

    • coloro che applicano il regime forfettario (commi 54-89, art. 1, legge 190/2014);
    • coloro che applicano il regime dei minimi o regime di vantaggio (commi 1 e 2, art. 27, decreto legge 98/2011);
    • le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti di non residenti, comunitari ed extra comunitari.

    Le fatture elettroniche emesse verso consumatori finali sono rese disponibili a questi ultimi dai servizi telematici dell’Agenzia delle entrate e a richiesta una copia della fattura in formato analogico.

    ATTENZIONE però! In realtà, i soggetti esclusi sono esonerati dalla sola EMISSIONE di fatture elettroniche. Questo vuol dire che ad esempio i soggetti che applicano il regime forfettario dovranno in realtà attrezzarsi comunque per ricevere le fatture elettroniche.

    Inoltre, ci si aspetta che molto rapidamente anche i soggetti esclusi aderiscano alla fatturazione elettronica B2B e B2C visto che presto diventerà uno standard.

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 210 Times
  • 10. QRCode: cos'è, e a cosa serve?
     

    Ogni azienda collegandosi al sito AE può creare il proprio QRCode (biglietto da visita eletronico), un codice da stampare o salvare sul proprio smartphone, che può essere mostrato al proprio fornitore per l’acquisizione automatica dei dati anagrafici da riportare in fattura, la lettura di questi codici è possibile attraverso lettori a codici a barre 2D.

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 219 Times
  • 11. Cos’è il codice univoco o codice destinatario ?
     

    Il codice a 7 caratteri serve solo per la ricezione delle fatture passive esso è rilasciato ai soggetti con partita iva dal canale di trasmissione che ha deciso di utilizzare per la ricezione delle fatture, tale codice va comunicato a tutti i propri fornitori. Chi invece decide di ricevere le fatture tramite pec non avrà tale codice (o meglio il proprio codice sarà 0000000) e pertanto ai fornitori basterà comunicare la propria email pec.

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 231 Times
  • 12. Se invio una fattura con dati errati?
     

    L’SdI esegue dei controlli sulla forma della fattura; nel caso vengano rilevati errori, entro 5 giorni, viene recapitata all’azienda una ricevuta di scarto del file sul medesimo canale con cui è stata inviata la fattura, L’azienda avrà 5 giorni per correggere i dati errati ed effettuare l’invio. Nel caso invece i dati di forma siano corretti ma ci siano dati errati nel corpo della fattura ad esempio un prezzo o una quantità, essendo questo errore rilevabile solo dal destinatario la fattura per l’SdI risulterà corretta e pertanto recapitata al fornitore, la correzione delle inesattezze potrà essere effettuata solo attraverso nota di credito.

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 194 Times
  • 13. Quali sono i termini di invio ?
     

    E' stato revocato l'obbligo di trasmissione della fattura elettronica entro le ore 24 dalla data di effettuazione dell’operazione, ecco le scadenze aggiornate:

    Esempi di fatturazione elettronica

    Termini di Invio

    Was this answer helpful ? Yes / No
    Viewed 198 Times

Taggato con: , , , ,

Dal 1° gennaio 2019 per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi sono emesse esclusivamente fatture elettroniche, utilizzando il Sistema di Interscambio e secondo il formato XML già in uso per la FatturaPA.

Tecnosistemi srl, operante nelle province di Savona e Imperia ha una vasta gamma di soluzioni per aiutarti nei nuovi adempimenti.

Fatturazione elettronica

Adesso, guardiamo in concreto quali possono essere le possibili soluzioni per l’utente finale:

  • Acquisto di un servizio di fatturazione elettronica, collegato o non al proprio software di contabilità, con il quale il cliente evoluto si occupa di emissione/ricezione – invio/scarico dallo SDI e conservazione delle fatture sia attive che passive gestendosi in totale autonomia, sarà possibile scaricare i file XML e fornirli al proprio commercialista per l’import nel suo software di contabilità
  • Accesso web ad un applicativo in cloud dello studio commercialista attraverso il quale il cliente può compilare ed emettere fatture di vendita, spedirle attraverso l’Hub di studio, ricevere le fatture passive, conservazione a norma del tutto, tramite questo servizio lo studio commercialista importa i flussi nel proprio software
  • Per chi ha una attività dove si utilizza il registratore di cassa, ad esempio un ristorante, con l’acquisto di un registratore di cassa di ultima generazione è possibile gestire direttamente dal registratore tutto il ciclo della fatturazione elettronica (compresa estrapolazione dei dati per il commercialista) ed essere già pronti per l’imminente entrata in vigore della trasmissione telematica dei corrispettivi
  • Delega totale allo studio commercialista che si occupa di rielaborare, tramutare in elettronica, inviare, gestire e conservare le fatture cartacee ricevute dal cliente (di norma servizio reso ad aziende che non emettono più di 20/25 fatture l’anno)
  • Utilizzo dell’applicazione dell’agenzia entrate che mette a disposizione gratuitamente il servizio di fatturazione elettronica che andrà utilizzato e gestito in completa autonomia da parte del cliente

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, Tecnosistemi srl di Pietra Ligure con il suo team, è lieta di aiutarti ad affrontare questa nuova sfida. Non esitare a contattarci tramite form o recapiti email o telefonici.

Saremo felici di poterti conoscere e di proporti, senza nessun impergno, le nostre soluzioni per la fatturazione elettronica

Taggato con: , , , ,

Per erogare un servizio sempre migliore e più professionale, il team di Tecnosistemi srl ha ottenuto nuove certificazioni sui centralini telefonici VOIP Yeastar.

Tali certificazioni arrivano al termine di un percorso di studi e di esperienza, e attestano la preparazione del professionista e la sua capacità di garantire il migliore utilizzo delle apparecchiature installate, sfruttando tutte le funzionalità che il produttore mette a disposizione.

Certificazione Yeastar Certified Technician Certificazione Yeastar Certified Security Specialist Certificazione Yeastar Certified Routing Specialist

Siamo a vostra disposizione per preventivi, dimostrazioni, progetti e consulenze.

Contattateci senza impegno, anche solo per avere una dimostrazione delle funzionalità delle nostre soluzioni di telefonia VOIP

 

Taggato con: , , , ,

Si stanno ormai moltiplicando i casi di infezione da virus Cryptolocker e similari.

backup dei dati e impostazioni

Tale minaccia, una volta infettata la macchina, inizia a criptare tutti i file presenti sul computer inclusi quelli raggiungibili dalla scorciatoia “risorse del computer” (comprese chiavette USB e quant’altro collegato al pc).
Una volta criptati tutti i file, rendendoli quindi inaccessibili all’utente proprietario, viene chiesto
un riscatto per ottenere la chiave di decodifica per tali file.

Come difenderci quindi ?

(altro…)

Taggato con: , ,