Uno scontrino errato può essere annullato entro un anno dall’emissione. La procedura di annullamento viene fatta tramite dal registratore di cassa telematico inserendo il numero del documento a la data di emissione dello scontrino.

I reparti non devono riportare la descrizione esatta e dettagliata. I dati trasmessi durante l’invio telematico dei corrispettivi sono i totali e la suddivisione per aliquote iva. Non è necessario che, sullo scontrino, vi sia stampata la descrizione esatta dell’articolo ma è sufficiente che la descrizione non sia generica e che l’aliquota iva sia quella corretta. Facendo un esempio, possiamo …

I tasti di reparto devono riportare una descrizione dettagliata ? Leggi ancora »

Se l’esercente, il 1 gennaio 2020 non ha ancora il registratore di cassa telematico RT, può continuare per altri 6 mesi ad utilizzare il vecchio registratore a patto che la trasmissione venga effettuata manualmente entro il mese successivo alla chiusura serale. Questo significa che lui, o il suo commercialista, dovrà collegarsi manualmente al portale dell’Agenzia delle Entrate ed effettuare la …

Registratori telematici | la moratoria sulle sanzioni Leggi ancora »

Il registratore di cassa telematico può essere connesso ad internet sia tramite rete cablata (cavo) che tramite rete WiFi (wireless). Il modo più semplice ed immediato è quello di usare la connessione cablata, presente di serie in tutti i modelli di registratori di cassa telematici RT; in assenza di connessione via cavo è comunque sempre possibile, tramite appositi accessori, di …

Posso usare la WiFi per connettere il registratore di cassa ad internet ? Leggi ancora »

I dati inviati all’Agenzia delle Entrate, durante la trasmissione dei corrispettivi, sono il totale dei corrispettivi, sono il totale giornaliero dei corrispettivi, la suddivisione del totale per aliquote iva e il tipo di pagamenti.. Non viene trasmesso il dettaglio dei singoli scontrini.

Il prezzo di un registratore di cassa RT parte da meno di 400 € + iva. Il costo dipende dal modello, il quale va scelto in base alle necessità e all’utilizzo da parte dell’utente. Tra le cose da valutare al momento dell’acquisto vi sono il numero di reparti e dei pagamenti, le dimensioni e la collegabilità ad eventuali periferche quali …

Quali sono i prezzi dei registratori di cassa RT ? Leggi ancora »

Per partecipare alla lotteria degli scontrini, il consumatore dovrà richiedere il codice lotteria sul sito dell’Agenzia delle Entrate, e comunicarlo al commerciante al momento dell’emissione dello scontrino elettronico. Il commerciante, da parte sua, dovrà trasmettere i dati del contribuente che vuole partecipare alla lotteria degli scontrini, mediante il registratore telematico, che dovrà essere adattato entro il 31 dicembre 2019.

Devono adeguarsi alla normativa tutti gli esercenti, inclusi i regimi minimi e forfettari . Questo significa in linea di massima tutte le attività che ad oggi emettono scontrino o ricevuta fiscale. Ovviamente chi era già esonerato dall’obbligo di emettere scontrino/ricevuta rimane tale (art. 2 DPR 21.12.96 n. 696). Per casi particolari o regimi speciali ovviamente si rimanda alla consulenza del …

Chi deve adeguarsi alla nuova normativa ? Leggi ancora »

Nel layout del nuovo scontrino, ora denominato documento commerciale, è prevista l’indicazione della modalità di pagamento. Questo significa che l’esercente dovrà indicare sullo scontrino che tipo di pagamento ha ricevuto dal cliente scegliendo tra diverse voci: contanti, assegno, carta di credito, bonifico, non riscosso, ecc. Si precisa che i dati inviati all’Agenzia Entrate tramite la chiusura giornaliera non sono così …

Sullo scontrino devono essere indicati i tipi di pagamento ? Leggi ancora »

Tutte le trasmissioni dovranno ricadere nella fascia oraria 00:00 – 22:00. Ne consegue che non possono essere effettuate nella fascia oraria tra le 22:00 e le 24:00 in quanto l’agenzia delle Entrate si è riservata questo spazio temporale per le proprie elaborazioni. E le attività che chiudono, per esempio, alle 23,00 come faranno ? Se la chiusura alle 23 è …

Esiste un orario per le trasmissioni telematiche ? Leggi ancora »

Per installare il registratore di cassa telematico RT, la prima operazione da fare è la procedura di accreditamento: l’esercente, o un suo intermediario appositamente delegato (commercialista), deve accreditarsi mediante apposita procedura on line disponibile sul sito Agenzia Entrate. Tale operazione può eventualmente essere fatta dopo l’installazione vera e propria della macchina ma sempre e comunque entro il 31/12, prima dell’entrata …

Cosa è l’accreditamento e cosa è il QRCODE ? Leggi ancora »

All’atto dell’installazione viene scaricato sul registratore telematico il certificato dell’Agenzia Entrate che ha durata 8 anni, la memoria fiscale delle macchine invece di norma dura 3.000 chiusure giornaliere, la macchina andrà sostituita quindi al raggiungimento di uno di questi 2 limiti. Il registratore di cassa ha al suo interno anche una memoria di dettaglio (DGFE) che sostituisce il vecchio doppio …

Quanto dura un registratore di cassa telematico RT ? Leggi ancora »

In caso di guasto, se non fosse possibile effettuare la chiusura giornaliera per diversi giorni, il registratore andrebbe messo in “sospensione”. Tale procedura può essere effettuata tramite lo stesso registratore di cassa o, in caso di guasto bloccante, accedendo manualmente al sito dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso di chiusura temporanea dell’attività per ferie, turno di riposo o altre motivazioni, l’utente dovrà semplicemente eseguire la chiusura, come al solito, e spegnere il registratore di cassa RT. Alla riapertura dell’attività, l’utente procederà come di suo solito e, alla prima chiusura, il registratore di cassa RT chiederà la conferma per effettuare l’invio delle chiusure relative al giorni di …

E quando l’attività è chiusa per ferie o per il turno di riposo ? Leggi ancora »

Le ricevute fiscali non potranno più essere emesse. Chi attualmente emette le ricevute fiscali, dovrà scegliere tra la fatturazione elettronica o il registratore di cassa RT

• sanzione amministrativa pecuniaria pari al 100% dell’imposta corrispondente all’importo non documentato con un importo minimo da pagare pari ad euro 500 per: – mancata registrazione dello scontrino – registrazione dello scontrino con prezzo inferiore a quello effettivo – omessa annotazione in caso di mancato o irregolare funzionamento dell’RT. • sanzione amministrativa pecuniaria da € 250,00 a € 2.000,00 in …

E le sanzioni ? Leggi ancora »